Panty & Stocking with Garterbelt (Gainax)

Anime_Panty-And-Stocking

Studio d’animazione:  Gainax.
Regia: Hiroyuki Imaishi.
Sceneggiatura: Geek Fleet.
Character design: Atsushi Nishigori.
Main Cast: Arisa Ogasawara (Panty Anarchy), Mariya Ise (Stocking Anarchy), Kōji Ishii (Garterbelt), Hiroyuki Yoshino (Brief), Takashi Nakamura (Chuck), Yuka Komatsu (Scanty), Ayumi Fujimura (Kneesocks), Shigeru Chiba (Corset), Miki Makiguchi (Fastner).
Episodi: 13 + 1 original animated video.
Origine: anime originale.
Genere: commedia, azione, ecchi.

 

335975-panty_and_stocking_with_garterbeltLe sorelle Panty e Stocking sono due angeli, ma a causa dei loro comportamenti viziosi decadono in un luogo a confine tra Paradiso e Inferno, Daten City (dalla parola giapponese datenshi, che significa angelo decaduto). Sotto la vigilanza del reverendo omosessuale Garterbelt le sorelle Anarchy hanno il compito di eliminare più Ghosts (spiriti malvagi) possibili per ottenere le Heaven Coins, punti che permetteranno loro di tornare in Paradiso. Con quali poteri possono fronteggiare i Ghosts? I loro nomi lo suggeriscono: Panty può sconfiggere gli spiriti malvagi trasformando le sue mutandine in pistola, mentre Stocking potrà farlo trasformando le calze in due katane.
I Ghosts non hanno vita facile con loro, ma le sorelle Anarchy non hanno particolare fretta nel dover assolvere i loro compiti, vogliono godersi la vita da popolari studentesse del liceo e soddisfare il più possibile i vizi per i quali sono decadute: lussuria (per Panty) e gola (per Stocking). Tuttavia, quando la popolarità vien loro sottratta con l’arrivo delle sorelle demoniache (ed incestuose) Skanty e Kneesocks, le due sorelle angeliche non rimarranno in silenzio a subire e prenderanno ancor più seriamente la loro missione, per lo meno per tornare a riottenere la popolarità di sex symbols della città.
Lo show è il più distante possibile dal mondo anime e il più vicino possibile all’animazione americana per adulti, e non a caso lo staff ha ideato il progetto ispirandosi al carattere trash ed esplicito di Drawn Together.
Si narra in quelli della mitica e scomparsa Gainax, che dopo il successo di Gurren Lagan, Hiroyuki Imaishi e il suo staff hanno fatto un viaggio per rilassarsi e in una serata sotto l’influenza di alcolici e umorismo da bar sono nate Panty e Stocking e in seguito si è definito il progetto che fa di questo anime uno dei prodotti di animazione sperimentale più riusciti, quanto uno degli show giapponesi più scandalosi, in una società che non è abituata a contenuti volutamente volgari. Panty & StockingNonostante la trama di base ci sia, la vera storia che dà corpo al plot è il fanservice e il trash, le due protagoniste infatti agiscono e portano avanti gli episodi con la carica di bassi istinti, gag squallide e contenuti sessuali espliciti; in un trionfo del trash – con richiami a b-movies americani – volontariamente viene meno la trama e sviluppo (di vicende e personaggi), fino a lanciare gli spettatori in un finale a cui si arriva tramite un riassunto eventi mai visti, ma che non sono importanti ai fini dello show che ha come unico obbiettivo quello di scandalizzare. Se i contenuti però sono pura immondizia, la qualità tecnica del anime è eccellente; questo show è pura animazione sperimentale che vuole avvicinarsi ai cartoons, vuole rivaleggiare con loro e non a caso character design, animazioni, colonna sonora (che vi consiglio di recuperare) e costruzione della sceneggiatura sono modellate sul gusto occidentale e quasi estranee all’estetica nipponica, tanto da non aver riscontrato il successo sperato e che avrebbe meritato.
Panty&Stocking with Garterbelt è l’ultima creatura di casa Gainax, una creatura incompresa e non sfruttata al massimo delle sue potenzialità, che voleva essere strumento di orgasmo estetico e tentativo di parodia in una società che non ammette e non ha l’abitudine alla parodia, quanto non ha la fascinazione per l’animazione americana per adulti. Inoltre – c’è da aggiungere – non ha importanza vedere questo anime integralmente o seguendo un ordine cronologico e forse questo è uno dei peccati maggiori (ma non per me) che non ha fatto la presa sperata sul pubblico, basta infatti vedere solo il primo e l’ultimo episodio per poter godere di questo anime che forse in formato OAV o come film avrebbe riscosso maggior successo e comprensione, tagliando tutte quelle parti che – monotone e irrilevanti –  portano dopo un po’ anche lo spettatore più entusiasta a sbadigliare, il quale tornerà ad essere davvero elettrizzato con l’ultimo episodio.Panty&Stocking Il tredicesimo episodio della serie è quello che meglio riesce in tutto ciò che la serie ha tentato di fare e che, in qualche modo, ha anche una trama bella intrigante nonostante tutto l’episodio giri intorno a un rapporto sessuale fuori dai canoni tra il nerd della scuola Brief e Panty.
Infine, meraviglia delle meraviglie, dopo la sigla di chiusura accade il vero plot twist, qualcosa che fa brillare la serie intera e che è chiaro annuncio di una seconda serie che mai arriverà, purtroppo. È stato fatto postumo un oav che poteva chiarire o tentare un epilogo, invece Panty&Stocking with Garterbelt è destinato a rimanere un anime dal finale aperto che si colloca tra le sperimentazioni senza futuro, diventando piuttosto un sample, un laboratorio, sul quale verrà costruito quello che è diventato un anime di successo: Kill la kill (che si può considerare una sorta di sintesi o figlio di Gurren Lagan e Panty&Stocking with Garterbelt).
Si è considerato questo anime un flop, ma il vero fallimento è stata l’incomprensione del pubblico che è stato più benevolo con la sua progenie e che, almeno in mia opinione, sarebbe stato altrettanto entusiasta se ci fosse stata più coscienza nel trattare il prodotto.

Giudizio personale: 7.

Precedente Speciale Tōhō Project: storia di un successo Successivo Good Smile Company e Acquamarine presentano Meiko Honma in versione dress-up chibi.